Per il prossimo inverno scegliete di andare a sciare in giro per il mondo

Sciare-icona-2-1-1280x640.jpg

Se non vi siete ancora organizzati per il ponte dell’ Immacolata che inaugura per molti la stagione sciistica ma siete stanchi delle solite piste è il momento giusto per scoprire paesaggi nuovi.

Il freddo pungente di questi giorni vi ha fatto già venire voglia di sciare? Vi serviranno un biglietto aereo, una valigia grande e capiente, una tuta robusta, una bella sciarpa, guanti caldi e sotto il casco un bel paio di orecchini Vrik Design.

Siete pronti? Stiamo per partire per…l’ America, il Giappone e l’ Afghanistan!

Sciare in America
Dovete sapere che da Milano Malpensa e da Roma Fiumicino l’American Airlines ha predisposto voli che collegano l’ Italia al Colorado con scali singoli di poche ore. Per cui potrete scegliere di raggiungerlo facilmente. Durango, detto anche “ Purgatory” dalla gente del posto, è  particolarmente adatto se avete famiglia o bambini piccoli, con ben 85 piste . Vail invece è il luogo perfetto se vi piace lo snowboard, le sue 193 piste sono baciate dal sole 300 giorni l’anno. Ad Aspen potrete concedervi coccole di lusso, circondati da ogni tipo di comfort. A Breckenridge, dopo aver testato impianti modernissimi, vi attende una vita notturna vivacissima. Avete mai sentito parlare della “Champagne Powder” ? E’ la neve sofficissima e polverosa dello Steamboat Springs, assolutamente da provare.
Per liberare la mente dal caos della città lasciatevi catturare dalle località sciistiche del Montana . Ci sono di solito pochissime persone ma tantissimi percorsi da provare, non solo con gli sci ma anche seduti su una slitta trainata da cavalli o cani. Lo Hylite Canyou permette a chi lo  esidera, perfino di cimentarsi con arrampicate sul ghiaccio! A Big Sky poi non manca mai la neve, di solito le precipitazioni nevose raggiungono i 10 metri. A proposito di ghiacchio, recatevi in Alaska , precisamente ad Anchorage per sciare in una delle 68 piste di ultima generazione.
Per respirare a pieni polmoni, aria pura, in un paesaggio sempre soleggiato andate in Utah, nel complesso di Park City Mountain, The Canyons o Deer Valley, si dice che ci sia la migliore neve (farinosa e bianchissima) al mondo!
Solo se siete sciatori veramente esperti mettetevi alla prova nelle discese mozzafiato del Killington, in Vermont. Godrete di scorci meravigliosi, nella vetta migliore per lo sci, di tutto il paese. Mettete in valigia, per questo viaggio, un paio di “cubosfera” bianchi, vi sentirete in simbiosi con ogni angolo di questi luoghi.

Sciare in Giappone
Dagli anni ’50 del secolo scorso ad oggi, in questo paese sono state realizzate ben 600 stazioni sciistiche. Le nevicate infatti sono numerose e la qualità della neve è molto adatta allo sci. Le prime erano quasi a conduzione familiare, molte piccole e attrezzate con mezzi di fortuna, oggi invece sono dotate di impianti moderni ed efficienti. Si trovano per lo più nell’isola di Hokkaydo e di Honshu. A Niseko, c’è sempre tanta neve farinosa, si può sciare anche di notte e ci sono impianti di risalita bellissimi. Si dice che gli abitanti del posto siano molto ospitali e parlino perfettamente inglese, cosa rara in Giappone. A Furano ci sono piste lunghissime, adatte a sciatori stacanovisti, a Teine Sapporo che ospitò i giochi olimpici nel 1972, le più ripide e

difficili, ad Hakuba con lo snowboard il divertimento è assicurato. Non sottovalutate che oltre a sciare in queste località, potrete mangiare sushi a volontà e ramen per scaldarvi, per poi ristorarvi con un bel bagno nei famosi onsen : il relax è garantito. Una settimana è poca, potreste farne due, una da sciatori e l’altra da turisti, alla scoperta della cultura nipponica, unica e affascinante. Se per quest’anno non ve la sentite di rompere il salvadanaio per questo viaggio, continuate a risparmiare per il prossimo inverno. E’ vero, non sono posti a buon mercato (anche se ultimamente i prezzi sono diminuiti )ne vale veramente la pena e acquistate un paio di “Clessidra” bianchi, dallo stile orientale, minimal ed elegante!

Sciare in Afghanistan
In un paese come l’Afghanistan ,dove devastazione e lotte intestine sanguinose sono all’ordine del giorno, c’è altrettanto desiderio di cambiamento e di rinascita. Questa aria si respira non lontano da Kabul, a 125 chilometri, nel cosiddetto paradiso degli sciatori: a Bamiyan (2500m). Per raggiungerlo non dovrete farvi scoraggiare da polveri soffocanti e mulattiere mal messe, la neve è bellissima. Il paesaggio è tra i più suggestivi al mondo, tra montagne e deserto. L’inverno qui è gelido e le temperature raggiungono anche -10°. Copritevi bene!
Da sei anni, di solito nel mese di marzo si svolgono a Bamiyan i campionati nazionali di sci, che coinvolgono di anno in anno sempre più sciatori stranieri. Non esistono cancelletti di partenza, né impianti di risalita, le strutture sono semplici e poco attrezzate, ma si scia con tanto  ntusiasmo e con tanta gioia, per combattere e mettere fine alla violenza e alle guerre. È stato un giornalista svizzero, Christoph Zuercher a intravedere per primo tanta bellezza nelle montagne afghane e ad iniziare a valorizzarle. Ha creato infatti una scuola di sci, alla quale potreste iscrivervi, nel vostro soggiorno e se siete abili sciatori potreste mettervi dalla parte dei maestri per insegnare qualche trucchetto e qualche tecnica agli abitanti del luogo, molti di essi sono molto poveri.
È infatti anche a causa della povertà che questo luogo sta sbocciando piano piano, ma niente paura e non esistono minacce talebane in queste montagne. Perché non provare a sciare completamente immersi nella natura, con il solo aiuto dei vostri sci e con i “Pepita ” bianchi all’orecchio?

 

Formato Immagini Blog@1x
sciare
3
2
1

 

 

Non perdetevi i  https://blog.vrikdesign.com/autunno-inverno-10-must-have-da-non-perdere/

Caterina Gildoni

Caterina Gildoni

Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini sono due giovani designer italiani, partner nella vita e nel lavoro, laureati in Architettura degli Interni e con diploma post Laura in Interaction Design.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


CHI SIAMO

Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini sono due giovani designer italiani, partner nella vita e nel lavoro, laureati in Architettura degli Interni e con diploma post Laura in Interaction Design.

CONTATTI

CONTATTI