orecchini Archives - Vrik design style

Caterina Gildoni
Dicembre 6, 2017
1-1-1280x825.jpg

Avete già pensato a come apparecchiare la tavola per Natale? Ormai è alle porte, non fatevi trovare impreparati!

Manca poco più di un mese al periodo più magico dell’anno e sicuramente in molte case, soprattutto nel weekend, fervono preparativi. Oltre ai regali che con lo shopping online sono diventati uno spasso e all’albero di Natale, anche la tavola del 25 dicembre merita attenzione. Ci si
ritrova lì con parenti, zii e cugini che durante l’anno , presi da tanti impegni vediamo poco, che molto spesso fanno chilometri e chilometri per arrivare e trascorrere questo momento in famiglia.  I festeggia insieme, si mangia e si brinda con emozione e gioia.

Seguite questi 7 consigli per avere una tavola di Natale con i fiocchi.

1. Siete ancora in tempo per mettere da parte barattoli di vetro, quelli dei legumi, dei sughi e delle marmellate, che usate tutti i giorni. L’ideale sarebbe averne di diverse misure, per creare dinamismo e movimento. Se non ne avete, andate dalle vostre nonne, ne avranno una grande
scorta in dispensa, da brave cuoche (chi cucina meglio di loro?). Vi serviranno come originali porta candela. Potreste decorarli con dei nastri o semplicemente riempirli di riso e glitter, prima di inserire le candele. Mettetene tanti in tavola, deve essere luminosa!

2. Scegliete con cura tovaglia e tovaglioli. Bianca, damascata o color champagne se avete in mente un addobbo classico e raffinato, altrimenti rossa o se volete osare color oro. Dato che i quadri british sono di gran moda, potreste optare per una tavola scozzese. Farete un figurone!

3. Natale è una grande festa quindi è l’occasione giusta per usare il servizio più bello, che di solito tenete sotto chiave, di porcellana finissima e di pregio , che appartiene alla vostra famiglia e avete ricevuto in dono per il vostro matrimonio  o che avete scelto inserito con cura nella lista
nozze. Hanno spesso delle decorazioni in oro, platino o argento, colori che caratterizzano da sempre il Natale. Più che perfetti!

4. Fate attenzione a come apparecchiate. Il galateo suggerisce queste semplici regole di Bon ton.  Al centro posizionate il piatto: alla sua sinistra la forchetta e a destra il coltello, con la lama verso l’interno. Il cucchiaio va a destra del coltello, mentre il cucchiaino da dessert in alto, in senso
orizzontale rispetto al piatto. Semplice vero? La grazia elegante del galateo renderà composto e indimenticabile il vostro Natale. Ricordatevi che non bisogna mai incrociare le posate sporche, basta allinearle sul piatto una di fianco all’altra. I piatti si tolgono da destra e sostituiscono da
sinistra con un piatto pulito e nuove posate, portate al tavolo sopra un piatto.

5. Il tovagliolo può essere in pendant e con la tovaglia o anche diverso. Se ci sono dei bambini, per loro potreste optare per quelli di carta colorati e decorati con i classici . Per i grandi utilizzateli di stoffa.  Potreste legarlo con un campanellino oppure con un pezzetto di abete e bacche rosse. Per personalizzarlo in modo unico inserite un piccolo cartoncino con il nome di ciascun commensale, in modo che possa trovare facilmente il suo posto a tavola.

6. Come centrotavola vi suggeriamo di preparare una bella ghirlanda, che abbia al centro una candela rossa, fatta da piccoli rami di abete, nastri di raso rosso, rami di cannella, fette di arance essiccate. Oppure una ghirlanda di pigne, che potete unire con la colla a caldo, una volta
appoggiate ad un cartoncino, bacche rosse, nastri di velluto ed erbe aromatiche. Se siete brave a cucire, potreste realizzare anche dei cuori o stelle di stoffa.

7. Non dimenticatevi di fare un piccolo ma prezioso dono per coccolare i vostri ospiti. Per tutte le donne della tavola di Natale vi consigliamo i nuovissimi orecchini “Fiocco di Neve” firmati Vrik Design. La loro confezione, una sfera trasparente, può essere riutilizzata anche come decorazione per l’albero. Se li indosserete tutte insieme, potrete anche vantarvi con le vostre amiche di aver organizzato perfino una festa tema!

 

Formato Immagini Blog@1x
Formato Immagini Blog@2x
Formato Immagini Blog@3x
Formato Immagini Blog@4x

 

Se non avete ancora deciso cosa dove andare a sciare non perdetevi i posti più belli del 2018 


Caterina Gildoni
Luglio 7, 2017

Il caldo è tornato e ci sono ancora diversi giorni che ci separano dalle vacanze. Non vorremmo altro che tanto relax e anche tanto sole, ma di certo fuori dall’ufficio e lontano da scrivanie ancora piene di cose da fare, post-it e promemoria e da agende che scoppiano. Ecco come sentirsi stilose anche in questi ultimi giorni di lavoro!

Per resistere a queste temperature tropicali e presentarsi in ufficio stilose e raffinate, occorrono gli outfit giusti, per essere al tempo stesso comode e formali, mai troppo casual o sexy.

  • La camicia di lino è un must. Optate per la classica bianca o sui toni dell’azzurro chiaro, con o senza colletto. Si può indossare sopra ad una bella gonna ampia, plissettata o dritta e semplice, midi, appena sopra il ginocchio blu, rosa cipria, verde acqua o a righe. Il caldo non vi tedierà più di tanto, perché si sa il lino è un tessuto nobile, traspira, assorbe l’umidità e mantiene la pelle fresca. Un segreto per mantenerla sempre come nuova: lavatela in acqua tiepida, con sapone neutro e asciugatela avvolta in un telo di spugna. Dato che ogni estate è più caldo, vi potrebbe servire anche per il prossimo anno! Abbinate sandali con mezzo tacco, largo e medio, colorati. Se avete le caviglie sottili, scegliete quelli con cavigliera, di indiscussa tendenza in questo momento e molto chic.

 

camicia di lino bianca
gonna plisse
sandalo mezzo tacco

 

  • Se le gonne non fanno proprio per voi, abbiamo una soluzione: il completo pendant. Top e pantaloni coordinati, vi faranno fare un figurone anche ai meeting più importanti e alle riunioni più impegnative. Se la giornata che vi aspetta è lunga e stressante, al mattino, davanti allo specchio ripetete più volte “Yes, I can” e aiutatevi con i colori e le fantasie giuste: fiori piccoli e gingham rosso e bianco. Completate l’outfit con una borsa a secchiello, rosa per la prima fantasia, rossa per la seconda e un paio di dècolleté alte, neutre, color nude, meglio se poco accollate e a punta.
gigham fantasia
gingham elegante
gigham

 

  • Non rinunciate agli evergreen: agli abitini. Rispolverate quelli bianchi dopo il weekend al mare o al lago, per sfoggiare la prima tintarella, a quelli blu, un po’ seriosi, abbinate un paio di sandali bassi gioiello o di mocassini, il venerdì (ammesso che nel vostro ufficio si rispetti la regola British del casual Friday), altrimenti delle ballerine rosse. Mettete in borsa un foulard colorato, con fantasie geometriche. Non vi proteggerà solo dall’aria condizionata no-stop , ma renderà anche il vostro outfit unico, raffinato e stilose. Non esagerate con scollature o abiti troppo corti, meglio se leggermente sopra al ginocchio e con le maniche corte.
oufit ufficio
abitino
sandalo mezzo tacco 1

Prestate attenzione alla manicure, l’ideale è color nude o rosa pallido e agli accessori, che fanno in ogni stagione la differenza. Preferite a collane pesanti e che spesso ci fanno sudare, i nuovissimi orecchini firmati Vrik: i preziosi. A clip americana, con cabochon in vetro e pendente in pla: leggerissimi. Risaltate le loro forme e i loro dettagli raccogliendo i capelli in semplici code basse, anche laterali o chignon un po’ spettinati, aiutatevi con un elastico robusto, senza forcine o lacca, soffrirete meno il caldo ma sarete stilose.

StiloseClessidraAzzurra

 

Scoprite la outfit perfetto per la vostra estate

Tendenze: i costumi dell’estate 2017


Vrik design style
Marzo 31, 2017
vrik-1280x1229.jpg

Dall’ideazione al prodotto finito, ecco tutte le fasi della produzione degli Orecchini VRIK Design. Il materiale impiegato è il PLA, una speciale plastica prodotta da risorse biodegradabili e a zero impatto ambientale

Gli orecchini VRIK Design seguono un processo produttivo molto rigido. La prima fase è quella dell’ideazione e della progettazione, durante la quale sono messe in campo tutte le competenze tecniche di Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini. La seconda fase è rappresentata dalla prototipazione, viene cioè realizzato il primo campione dell’orecchino con una stampante 3D di ultima generazione.

Il pototipo viene poi analizzato e valutato secondo i seguenti criteri: peso, resistenze e lucentezza. Solo quando il campione supera la fase di test, l’orecchino è pronto per essere messo in produzione. Al temine della lavorazione, ogni pezzo attraversa il processo di finitura manuale, che consiste nel controllo delle texture, l’eliminazione di eventuali impurità e l’applicazione dei perni.

PLA, il materiale del futuro

Gli orecchini VRIK Design sono realizzati in PLA o acido polilattico, un materiale plastico generato dalla fermentazione del mais. Una sorta di plastica del futuro che essendo prodotta da risorse totalmente biodegradabili è a zero impatto ambientale.

La struttura interna degli orecchini a nido d’ape, è studiata per garantire massima resistenza e leggerezza. Al tatto, si percepisce distintamente la texture lineare creata dal processo produttivo, che esalta la corposità e la luminosità di ogni singolo pezzo. Monachelle, perni e clip sono in ottone, galvanizzati da aziende italiane, con certificazione nichel free.

Le due “anime” di Vrik Design

Partner nella vita e nel lavoro, Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini sono laureati in Architettura degli Interni, con diploma post Laurea in Interaction Design. Sono creativi, innovativi, sempre alla ricerca di nuove fonti di ispirazione, amano giocare con i materiali e le forme, creando oggetti unici e di grande impatto visivo. VRIK Design, con la sua originale collezione di orecchini, è il loro primo progetto imprenditoriale, nato dalla grande passione di entrambi per la progettazione.


Vrik design style
Marzo 30, 2017
I-PRIMI-ORECCHINI-1280x1229.jpg

Vere e proprie forme d’arte, gli orecchini Vrik Design nascono dalla creatività di Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini. Realizzati con un processo di stampa tridimensionale sono anche totalmente biodegradabili.

A partire dall’introduzione del telaio meccanico a fine ‘800 fino alla produzione digitalizzata del 21° secolo, la manifattura dell’abbigliamento e degli accessori è stata caratterizzata da una sorta di rivoluzione tecnologica permanente. L’ultima in ordine di tempo è rappresentata dalla stampa 3D, una tecnica alla base dell’idea imprenditoriale di Vrik Design. È nella Milano del post-Expo, rinnovato crogiuolo della creatività Made in Italy, che prendono forma gli innovativi orecchini di Vrik Design, un progetto divenuto nel giro di pochi mesi una realtà produttiva che proprio nel 3D affonda le sue giovani radici.

Dal filamento colorato agli orecchini

Giovani radici come giovani sono i designer italiani Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini, ideatori di Vrik Design. “I nostri orecchini non sono semplici accessori – raccontano Vrinda e Riccardo – sono dei veri e propri oggetti di design, attraverso i quai sperimentiamo, in modi sempre nuovi, identità cromatica, tattile e decorativa”.

I primi orecchini di VRIK Design sono nati quasi per caso, spiegano i due giovani designer. “Stavo mostrando a Riccardo un abito elegante che avrei voluto indossare nel corso di un evento importante”, racconta Vrinda. “Unico problema: non avevo gli orecchini adatti. Tra le diverse bobine della stampante 3D che stavano utilizzando per un progetto, avevano un filamento dello stesso colore del tessuto dell’abito di Vrinda”, spiega Riccardo. Ed ecco l’intuizione: perché non ideare e produrre un paio di orecchini ad hoc per l’occasione? “Ci siamo messi subito al lavoro, progettando un orecchino molto appariscente, la cui struttura si ispirava a due forme geometriche molto comuni: una sfera e un cubo. Lo abbiamo battezzato Il Cubosfera”.

Grandi, colorati, vistosi, gli orecchini color fucsia, perfettamente abbinati al vestito, nel corso dell’avvenimento hanno avuto un grande successo. Da lì all’idea di perfezionarne la struttura e stampare l’orecchino in tanti colori diversi, avviando così il loro percorso imprenditoriale, il passo è stato breve.


CHI SIAMO

Vrinda Da Sacco e Riccardo Madini sono due giovani designer italiani, partner nella vita e nel lavoro, laureati in Architettura degli Interni e con diploma post Laura in Interaction Design.

CONTATTI

CONTATTI